Infertilità Femminile: Come rimanere incinta? 100% Naturali!

Infertilità Femminile: Come rimanere incinta? 100% Naturali!

Potrebbe sembrare un affermazione stupida, come rimanere incinta con la pillola, ma non lo è. Molte donne spesso cercano online informazioni in merito alla pillola perché per esperienza diretta o indiretta hanno avuto a che fare con una gravidanza indesiderata (o sintomi gravidanza) anche assumendo la pillola anticoncezionale regolarmente. Queste sono le notizie più rilevanti su: Come Rimanere Incinta Con La Pillola.

Cause di Infertilità Femminile

Infertilità Femminile

Veniamo al punto per chiarire per bene l’argomento trattato nell’articolo seguente. La pillola è uno degli anticoncezionali più diffusi ed efficaci utilizzati dalle coppie per evitare gravidanza indesiderate. Presa regolarmente e sotto corretta prescrizione medica non dovrebbe in nessun modo portare ad una gravidanza, nella stragrande maggioranza dei casi almeno. Il funzionamento della pillola è molto semplice, blocca l’ovulazione e ispessisce la mucosa cervicale. La pillola contiene 2 ormoni è deve essere assunta di solito,  tranne in rari casi, una volta al giorno. Le confezioni sono in formati da 21 pillole o da 28 e devono essere assunte per 21 o 28 giorni.

Al termine di ogni confezione si inizia l’assunzione di nuove pillole. Per le confezioni da 21 pillole si deve osservare una settimana di sospensione durante la quale compaiono dei sanguinamenti. Per le confezioni da 28 pillole durane la settimana di sospensione si assumono 7 pillole neutro, cioè senza ormoni.

Bisogna però evidenziare alcuni aspetti fondamentali e molto importanti dell’assunzione della pillola anticoncezionale. Prima di iniziarne l’assunzione, essendo un farmaco, è necessario un consulto presso medici competenti che previa visite approfondita e specializzate possano consigliare il dosaggio e quindi il prodotto più appropriato alle esigenze delle donna che dovrà assumere tale farmaco.

Inoltre la pillola tranne in casi infertilità femminile deve essere assunta regolarmente ogni giorno e alla stessa ora senza mia far trascorre oltre dodici ore dall’assunzione della precedente. In caso siano passate oltre 12 ore dall’assunzione è necessario considerare l’utilizzo di altri farmaci. Oltre alla regolarità dell’assunzione, come menzionato precedentemente, è molto importante assicurarsi che il farmaco sia adatto con il corretto dosaggio che in alcuni casi potrebbe essere diverso da quello prescritto dal medico. Per saperne di più su: Infertilità Femminile, continua a leggere.

Infertilità femminile – Quello che forse non sai

Rischiosa l’assunzione in particolari stati di salute del soggetto, infatti se si assuma la pillola e poi si vomita molto oppure si è affetti da forte diarrea, occorre riassumere la pillola.

Importante quindi come si utilizza la pillola, farmaco tra i più efficaci se non usato correttamente può sicuramente portare a gravidanze indesiderate, bisogna quindi fare molto attenzione a come avviene l’assunzione. Dosaggio corretto, prodotto adatto, regolarità nell’assunzione sono fattori importanti per evitare di rimanere in cinta. Nelle prossime righe, scoprirai la verità su: Cause di Infertilità Femminile.

In una coppia la infertilità femminile è comune quanto quella maschile. I problemi di infertilità sono comuni in entrambi i sessi. I numeri parlano chiaro. Un dottore potrà confermarlo. Il 50% di casi di infertilità di coppia è causa di una disfunzione maschile. Il restante 50% da una disfunzione femminile.

Ovvio, le cause dell’infertilità nelle donne sono differenti da quelle di fertilità negli uomini. Una comune è però l’età,. Con l’avanzare del tempo infatti, la fertilità va a calare per entrambi i sessi. In questo caso c’è uno “squilibrio”. L’uomo, tende a perdere la fertilità più lentamente rispetto ad una donna. Con l’andare del tempo, nelle donne, aumenta la probabilità di avere una gravidanza gemellare.

Infertilità Femminile Cause

"<yoastmark

Le cause dell’infertilità femminile non sono molte. O meglio, le cause comuni non sono molte. Di fatto, come si vede qui sotto, si possono raggruppare in 3 gruppi:

  • Disturbi ovulatori
  • Problemi dovuti ad eventi di origine peritoneale e tubarica
  • Disturbi al muscolo cervicale o alla cervice

I disturbi ovulatori. Al pari di quelli di origine peritoneale e tubarica; sono la maggior parte. Entrambe le categorie compongono il 45% dei casi di infertilità (cada una). Il restante 10% è dovuto a disturbi alla cervice. Il 5% circa a fattori di origine ignota. I numeri sono approssimativi. Questo perché più disturbi possono coesistere in uno stesso paziente.

Infertilità Femminile Sintomi

È possibile effettuare esami specifici. Questi possono indicare meglio la presenza dei disturbi citati:

  • Controllo dei dosaggi ormonali: Grazie a questo esame, è possibile valutare il numero di ovociti presenti. Quindi si può calcolare la potenziale fertilità.
  • Tampone vaginale: Esame che permette di controllare la presenza di infezioni. Nello specifico nel collo dell’utero e nella vagina.
  • Isterosonografia: Esame utile a verificare la normalità della cavità uterina.
  • Ecografia tridimensionale: Permette di riconoscere problemi nella struttura dell’utero attraverso la creazione di un modello 3D.
  • Isterosalpingografia: È un esame radiologico per riconoscere alcune patologie dell’utero contratte o congenite. È inoltre utile a valutare la pervietà tubarica.

Non essendo l’infertilità una patologia, è difficile parlare di sintomi. Ovvio, l’unico vero “sintomo” di infertilità è l’impossibilità di rimanere incinta. Anche dopo diversi tentativi. A quel punto rimangono comunque molte possibilità. Una possibilità da conseiderare è appunto l’infertilità femminile. Le prossime righe, offrono notizie interessanti su: Segni di Infertilità Femminile.

Si può parlare di sintomi, nel momento in cui si vada a vedere alle patologie che causano (o possono causare) infertilità delle donne. Principalmente si parla di dolori nell’area del basso ventre. Disturbi del ciclo mestruale. Perdite vaginali ed affini. Stress, carenza di appetito, sonnolenza, spossatezza, possono essere segnali d’allarme. Questi consigliano ci potrebbe essere qualcosa che non va. Non andrebbero sottovalutati, soprattutto se presenti durante il periodo nel quale si prova a concepire.

Infertilità Femminile Esami da Fare

Come Rimanere Incinta Con La Pillola
Infertilità Femminile

Prima di tutto è bene essere sicuri che ci sia un problema. Sospendere l’assunzione di qualunque medicinale si possa evitare. Instaurare un regime di esercizio (anche solo 30 minuti a piedi almeno 3 volte a settimana). Aumentare le dosi di frutta e verdura consumate. Quindi, dopo un breve periodo di astinenza dalle pratiche sessuali (una o due settimane), finalmente concedersi del sesso con il partner. Queste sono le notizie più rilevanti su: Gravidanza a 43 Anni.

È scontato che bisogna evitare per forza qualunque tipo di anticoncezionale (pillola, preservativi, spermicida, spirale, ecc…). È bene controllare anche gli effetti indesiderati di mecine o integratori. Non è raro che influiscano sulla fertilità durante la terapia. Se dopo svariati tentativi, non c’è un riscontro, sottoporti ad esami più accurati. Sia per lui che per lei.

C’è da tenere a mente che le possibilità che un problema sia si uno solo dei partner è del 40% (che si tratti di uomini o donne). C’è un 20% di possibilità che si tratti di un problema di coppia (infertilità di entrambi i partner o “incompatibilità”).

Alcuni degli esami e delle patologie da prendere in considerazione sono già segnati nell’articolo. In ogni caso è buona norma consultare il proprio medico di famiglia ed eventualmente un ginecologo.

Infertilità Femminile Cure

Questo articolo svela fantastici consigli su: Infertilità Femminile. Se l’infertilità e dovuta da una malattia o da un problema, allora è possibile che un trattamento per il problema in questione possa fungere da “cura”. Allo stesso modo, se la causa è lo stress, pasti disordinati o cause simili, correzioni del proprio stile di vita potrebbero aiutare.

Non esistono, però, reali cure per l’infertilità femminile. Esistono tuttavia dei metodi per combattere l’infertilità e rimanere comunque incinta. Questi metodi sono detti di “procreazione medicalmente assistita”. Ci sono diversi livello di procreazione assistita, 1, 2 e 3.

Il primo livello è composto di sole metodiche che stimolano o aiutano il concepimento naturale. Questi metodi sono detti di fecondazione in vivo. Si parla di stimolare l’ovulazione e di procurare con delle semplici meccaniche, l’inseminazione intrauterina. I successivi livelli si occupano di fecondazione “in vitro” ovvero di fecondazione del tutto artificiale ed eseguita in laboratorio. Vengono prelevati ovocita e spermatozoo dalla coppia e si procura l’inseminazione.

In questo processo, si cerca di stimolare la creazione di quanti più ovociti possibili, in maniera da massimizzare la possibilità di concepimento.

  • Il concepimento in vitro si divide in due tecniche:

FIVET (fecondazione in vitro embryo transfer): Si lasciano spermatozoi e ovociti in una piastra. La piatra potrà offrire le condizioni adatte all’inseminazione. Si spera, a questo punto, che lo spermatozoo entri a contatto con l’ovocita in maniera naturale.

  • ICSI (iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo):

Con questa tecnica si inietta lo spermatozoo in modo diretto nell’ovocita. Questa tecnica viene usata solamente ove si teme che la FIVET sia inutile o inefficace. L’unica differenza tra procreazione medicalmente assistita di secondo e terzo livello, è che nel secondo caso, lo spermatozoo deve essere prelevato direttamente dal testicolo. Non ci sono alcune differenze dal punto di vista femminile.

Infertilità Femminile Cure Naturali

Là dove non ci sono dei problemi medici, è possibile migliorare le proprie possibilità di concepire con delle sostanze del tutto naturali. La maca. Questo tubero regola le funzionalità endocrine. Va a regolare scompensi ormonali nell’uomo e nella donna. Per saperne di più su: Sintomi di Infertilità Femminile, continua a leggere.

Agnocasto. Il frutto di questa piante regola il sistema di ovulazione. Radice di dong quai. Viene utilizzata da secoli nella medicina cinese. È adatta per qualunque problema femminile ed è utile anche per stimolare l’ovulazione. Questo articolo svela fantastici consigli su: Probabilità Di Rimanere Incinta a 44 Anni. Questa è la cosa più importante che dovresti sapere su: Infertilità Femminile.